GorillOOGLE colpisce ancora: non sono in grado di interpretare i loro contratti !?!

*UPDATE 21/03/2011 in calce* Chi si ricorda il successo di Google fu determinato dal fatto che andò OLTRE il fare il suo normale lavoro di Motore di Ricerca come Altavista, Yahoo ed altri.
Si mise infatti nei panni del cliente e cercò di capire quali fossero i suoi bisogni reali o latenti. Ne uscirono delle innovazioni che ne decretarono in breve tempo la leadership assoluta.
Un esempio per chiunque.

Tuttavia ultimamente pare essersi totalmente scordato delle sue ancestrali abilità empatiche.
Oggi Google invia ai suoi Clienti un’altra email che mi lascia ancora più di sasso del già orribile sondaggio di pochi giorni fa
(vedi http://roberto.baldassar.net/le-aziende-che-fingono-di-comunicare-caro-stupido-cliente/ )

Gentile publisher,

Le scriviamo per informarla che i Termini e condizioni di AdSense, validi per il suo account, sono stati modificati. I Termini aggiornati saranno validi a partire dal 22 marzo 2011 e sono consultabili all’indirizzo http://www.google.com/intl/it/adsense/terms/terms_and_conditions_20110218.html .

Purtroppo non siamo in grado di interpretare per i nostri publisher il significato delle modifiche apportate ai documenti legali. Per eventuali domande o una consulenza legale per l’interpretazione dei nuovi Termini e condizioni, consulti un avvocato.

Cordiali saluti,

Il team di Google AdSense

© 2011 Google Ireland Ltd, Gordon House, Barrow Street, Dublino 4, Irlanda.

Le abbiamo inviato questa email di servizio obbligatoria per informarla di un importante cambiamento che interessa il prodotto o l’account AdSense da lei utilizzato.

Riassumiamo:

  • il Fornitore Google cambia unilateralmente il contratto di fornitura. Poco simpatico, anche se – ammettiamolo – ci hanno già abituato a questo banche, assicurazioni, enti di erogazione energia…
  • il Fornitore Google informa il suo Cliente che non è in grado di spiegare le modifiche che ha apportato al SUO contratto…
    Nella migliore delle ipotesi “non siamo in grado” significherebbe che non hanno la possibilità di rispondere a richieste di chiarimenti, nella peggiore delle ipotesi non saprebbero quel che fanno. Anche ammessa la precedente migliore delle ipotesi, avrebbero comunque fatto bene a spiegarsi con un minimo di tatto in più.
  • il Fornitore Google neanche si degna di evidenziare le modifiche rispetto al contratto preesistente, per evitare al suo gentile Cliente (che gentile non resta per molto…) di dover comparare un testo di circa 13 pagine e 5.880 parole
  • ciliegina finale, un tripudio empatico…. caro Cliente, vuoi capirci di più sulle MIE modifiche? ARRANGIATI E PAGATI UN AVVOCATO !!

Google è stato un esemplare innovatore, e sta investendo le sue fortune ancora in innovazione in un circolo virtuoso.

Nel contempo sta mettendo anche un cospicuo impegno nel farsi odiare sempre più dai suoi Clienti.
E quando c’è odore di Gorillite ossia di Monopolismo Operativo, è naturale cresca  spontanea un po’ di antipatia. A prescindere.

A proposito, sapete che Yahoo! pare stia migliorando parecchio al sua tecnologia ?  😉

———————————————————-

UPDATE 21/03/2011

Stupendo!  Ricevo ora questa email sul medesimo argomento ma con un tono da far sembrare che abbiano letto il mio post…  (ma non credo) 🙂  !!

Gentile publisher,

Le scriviamo per informarla che i Termini e condizioni di AdSense, validi per il suo account, saranno modificati a breve. I Termini aggiornati saranno validi a partire da domani, 22 marzo 2011; potrà consultarli all’indirizzo http://www.google.com/intl/it/adsense/terms/terms_and_conditions_20110218.html. I Termini aggiornati sostituiranno quelli che si trovano al seguente indirizzo: https://www.google.com/adsense/localized-terms

Queste modifiche sono state effettuate in seguito alla decisione di Google del maggio 2010 di rendere pubblica la quota di compartecipazione alle entrate dei prodotti AdSense per i contenuti e AdSense per la ricerca (al seguente indirizzo: http://it-adsense.blogspot.com/2010/05/quota-di-compartecipazione-alle-entrate.html). Per chiarezza, abbiamo evidenziato le modifiche di seguito.

L’articolo 12.1(d) è stato modificato nella forma seguente:
(d) altri eventi verificatisi in connessione con la visualizzazione degli Annunci sulla/e Sua/e Proprietà. La quota di ricavi che Lei riceverà sarà determinata da Google a sua discrezione. I pagamenti saranno calcolati esclusivamente sulla base dei registri tenuti da Google.

Per qualsiasi domanda relativa al prodotto, saremo lieti di risponderle sul nostro Forum: http://www.google.com/support/forum/p/adsense?hl=it

Cordiali saluti,
Il team di Google AdSense

Dopo 11 giorni, anche se a ridosso della data di attivazione, sembra si siano accorti di aver sbagliato più di qualcosa nella precedente comunicazione (magari sollecitati da segnalazioni simili alla mia) e correggono decisamente il tiro:

  1. Spiegano il perché delle modifiche fatte
  2. Spiegano quali articoli (uno) sono stati modificati e li riportano sul corpo dell’email
  3. Si rendono disponibili a rispondere alle domande !!!

Con un po’ di attenzione sarebbe bastata solo questa email,
è comunque positivo che all fine si siano impegnati a comunicare in modo consono ad un corretto rapporto con il cliente !  Diamogliene atto.


Commenti (1)
  • Avatar

    roberto Jan 29 2014 - 17:20 Reply

    Ciao!
    il tuo post mi ha fatto venire in mente altri esempi simili che riguardano il rapporto azienda/cliente.
    Riguardo il finale però, che conclude “dando atto” a google di aver aggiustato il tiro, io dico che in realtà è stato più che altro nel loro interesse farlo… proprio perché altri clienti (come te) si saranno lamentati, ed occorreva salvaguardare la propria immagine
    …di base, se nessuno diceva niente… sarebbe rimasto tutto come prima

Scrivi un tuo Commento

Nome (required)

Il tuo Sito - opzionale