Intesa San Paolo ”vende” 300.000 clienti a Crédit Agricole come mucche

Intesa San Paolo ”vende” 300.000 clienti a Crédit Agricole come mucche

Se devi vendere una mucca di certo non la avvisi preventivamente, né ti interessa il suo parere: fai l’accordo di compravendita e la trasporti al nuovo proprietario. Poi capirà da sola che sono cambiati il fieno e la mungitura…

Grossomodo è quanto è accaduto nella cessione dall’italiana Intesa San Paolo alla francese Crédit Agricole (CariParma e Friuladria) di 300.000 mucche… ops… clienti e relative 85 filiali.

Un caso esemplare di come ignorare ogni forma di correttezza etica nel rapporto con i propri clienti.
Potrebbero apparire parole forti, ma capirete perché leggendo fino in fondo questo articolo.

Data la platea vastissima di interessati ho pensato di contribuire con molte informazioni inedite, di prima mano ed incredibili “chicche“…
== LEGGI TUTTO ==> “Intesa San Paolo ”vende” 300.000 clienti a Crédit Agricole come mucche” »


Bob Parsons, CEO di GoDaddy, ripreso ad uccidere un elefante…

Bob Parsons, CEO di GoDaddy, ripreso ad uccidere un elefante…

*UPDATE 24/04/2011* Bob Parsons, fondatore e CEO della GODADDY Group Inc., uno dei maggiori Domain Registrar mondiali,  pubblica un video nel suo sito (poi viralmente diffusosi ovunque) dove si fa riprendere nell’uccidere un elefante (e pare sia in realtà il secondo, oltre ad un leopardo).
Allego il suo post.
Si guadagna così il titolo di ” Scummiest CEO of the Year “…
Gli animalisti  e la PETA si ribellano, Bob Parsons spiega di essere stato chiamato a dare una mano ad uccidere degli elefanti che danneggiavano le coltivazioni… dagli USA con furore: una audace interpretazione del concetto della Corporate Social Responsibility !

Ma il video e le foto orgoglioso e sorridente, in tenuta para-militare, appoggiato sulla sua vittima col fucile in mano in classico stile safari…


== LEGGI TUTTO ==> “Bob Parsons, CEO di GoDaddy, ripreso ad uccidere un elefante…” »


GorillOOGLE colpisce ancora: non sono in grado di interpretare i loro contratti !?!

GorillOOGLE colpisce ancora: non sono in grado di interpretare i loro contratti !?!

*UPDATE 21/03/2011 in calce* Chi si ricorda il successo di Google fu determinato dal fatto che andò OLTRE il fare il suo normale lavoro di Motore di Ricerca come Altavista, Yahoo ed altri.
Si mise infatti nei panni del cliente e cercò di capire quali fossero i suoi bisogni reali o latenti. Ne uscirono delle innovazioni che ne decretarono in breve tempo la leadership assoluta.
Un esempio per chiunque.

Tuttavia ultimamente pare essersi totalmente scordato delle sue ancestrali abilità empatiche.
Oggi Google invia ai suoi Clienti un’altra email che mi lascia ancora più di sasso del già orribile sondaggio di pochi giorni fa
== LEGGI TUTTO ==> “GorillOOGLE colpisce ancora: non sono in grado di interpretare i loro contratti !?!” »


La robustezza dei palmari. Drop test, IP rating…

La robustezza dei palmari. Drop test, IP rating…

Spesso sento frasi come: “questo terminale è molto robusto perchè è un IP 64…” la frase è tanto vera quanto la seguente: “questa automobile è molto veloce perché è rossa”.
Il fatto che le automobili rosse siano tipicamente veloci, non assicura che lo siano veramente….  🙂 così pure l’IP rating non è un parametro che dice direttamente quanto sia robusto un terminale.
Vediamo insieme perché !
== LEGGI TUTTO ==> “La robustezza dei palmari. Drop test, IP rating…” »